Il principe del mondo

Un romanzo di Antonio Monda, pubblicato da Mondadori, nella collana Scrittori italiani e stranieri, che narra l’America di Joe Kennedy.

New York, ottobre 1927. Sono i giorni in cui Sam Warner, il più autorevole dei Warner Bros, con l'introduzione del sonoro, sta cambiando per sempre la storia del cinema e della cultura del Novecento.

Assistente del grande produttore cinematografico è il giovane Jake Singer, che dopo la morte improvvisa di Warner passerà al servizio di Joe Kennedy, il capostipite della più importante famiglia americana del XX secolo. Kennedy è un uomo controverso, duro, discusso, smodatamente ambizioso e disposto a tutto pur di raggiungere i suoi obiettivi. Ma è anche intelligentissimo, visionario e coraggioso. La sua, e quella dei suoi figli, sarà una storia leggendaria e drammatica, di cui Jake Singer è testimone privilegiato e narratore, e col suo racconto, serrato e avvincente, ci restituisce luci, ombre, atmosfere e protagonisti di una famiglia che è diventata mito. Con "Il principe del mondo" Antonio Monda continua la sua ricostruzione romanzesca di New York, la "capitale del mondo", la città dove tutto accade, il cuore pulsante del secolo americano.

'Il principe del mondo', è l'ottavo dei dieci romanzi che Monda sta scrivendo su New York. Il protagonista, Jacob Singer, lavora per Sam Warner e quindi per Joseph Kennedy. Assiste alla nascita del cinema sonoro e all'elezione di FDR, in una metropoli che si getta alle spalle la grande depressione e diventa il cuore pulsante del pianeta". "Jacob instaura con Kennedy un rapporto di amore e odio che lo segnerà per tutta la vita: filonazista, antisemita, omofobo, contrabbandiere e amico di criminali, il patriarca era anche geniale e dotato di quello che gli americani chiamano 'vision'. E' lui il principe del mondo, definizione che Cristo dà del diavolo", ha spiegato Monda.

Antonio Monda insegna alla New York University e collabora con «La Repubblica». Vive a New York con la moglie Jacquie e i figli Caterina, Marilù e Ignazio. Ha pubblicato La magnifica illusione (Fazi 2003), The Hidden God (MoMA 2004), Tu credi? (Fazi 2006), Assoluzione (Mondadori 2008), L'America non esiste (Mondadori 2012) e I film della nostra vita (Mondadori, 2013). Altri suoi romanzi sono: La casa sulla roccia (Mondadori 2014), Ota Benga (Mondadori 2015), Io sono il fuoco (Mondadori 2018) e Nel territorio del diavolo (Mondadori 2019).

[…] vedi un estratto del libro → clicca qui