II° Motoraduno le Aquile in Val d'Arda

II^ edizione del Motoraduno “le Aquile in Val d’Arda”, l’iniziativa è aperta a tutti i motociclisti che vorranno partecipare e la festa pomeridiana è aperta anche ai non motociclisti.

Il Motoraduno è promosso dal CRT FITeL del Ducato e dal CRAL il Pellicano della AUSL di Piacenza e prevede varie attività d’intrattenimento: un giro turistico alla ricerca dei sapori della Val d'Arda, e la "festa sull'aia" a Caselle Caminata 415 (Fiorenzuola d'Arda - PC).

Nell’area del motoraduno è prevista l’accoglienza dei partecipanti che prevede una colazione durante le fasi di registrazione. Per il pranzo, il nostro chef gentlemen Antonio Illari proporrà piatti con prodotti del territorio.

Il Motoraduno è aperto a tutti i motociclisti che vorranno partecipare e la festa pomeridiana è aperta anche ai non motociclisti (famiglie, amici, soci dei Circoli - Cral - associazioni aderenti a FITeL e non solo).

(vai all'evento pubbòlicato su Facebook cliccando qui)

Alle 16:30 avrà luogo la premiazione della I^ edizione del premio di narrativa per libri che trattano il gusto della tavola nella letteratura: "Il cibo nella letteratura", perchè il cibo è anche una componente fondamentale di quella che generalmente chiamiamo letteratura, ma che potremmo ancor più genericamente definire la storia dell’uomo, il cibo è ovunque e si colloca fuori da ogni luogo e da ogni tempo, pur essendo una salda presenza al loro interno.

"In tutte le letterature di ogni Paese, civiltà ed epoca troviamo riferimenti al cibo e alla nobile arte del cucinare; a ricette e piatti, reali o inventati; ai molti simboli di cui il cibo nel tempo si è fatto portatore e ai significati più o meno nascosti che sa conservare. Pensando al cibo, probabilmente nella nostra mente si aprirà subito una galleria fotografica fatta di immagini di ciò che mangiamo ogni giorno, dei nostri piatti preferiti, di alberi da frutto e coltivazioni, che possiamo personalizzare come meglio crediamo. Il cibo nella letteratura ci accompagna in paesaggi familiari, che sono il luogo della memoria e del ricordo del passato."